GRAN PRIX D’AMÉRIQUE. Bold Eagle vuole la rivincita!

GRAN PRIX D’AMÉRIQUE. Bold Eagle vuole la rivincita!

Il campionato Mondiale dei Trottatori è la corsa più importante delle specialità un evento di portata mondiale a cui i francesi in particolar modo tengono tantissimo perché rappresenta la loro capacità di allevare dei trottatori con caratteristiche di sangue diverse dal resto del mondo ( questo è vero solo in parte ) che li rende più resistenti e veloci.Il 1 ° febbraio 1920 , ha avuto luogo l’edizione numero uno leggendaria corsa. È stato vinto da Pro Patria .Il suo Albo D’Oro annovera nomi leggendari e in particolar modo per i francesi il quattro volte campione in questa corsa il grande Ourasi ( 1986;1987;1988;1990 ) , e tra non francesi il nostro Capitano il mitico Varenne (2001 ; 2002; ).Questa edizione si presenta particolarmente incerta e le quote vedono favorito un cavallo non francese , ma bensì lo svedese Readly Espress campione in carica e vincitore dell’ultima edizione.

I FAVORITI

La corsa vedrà il duello tra Readly Espress (15) che arriva all’appuntamento in ottima forma avendo partecipato a due corse di preparazione dove senza spingere a fondo ha mostrato una condizione ottimale , il suo interprete
B. Goop dovrà badare a portare il suo allievo in buona posizione sulla salita prima della curva finale per non concedere troppi metri ai suoi avversari li il suo motore potrebbe fare la differenza come la scorsa edizione, Bold Eagle (18) arriva con tre corse di preparazione di cui solo l’ultima ha convinto pienamente si è rivisto il cavallo cattivo di un tempo sempre in possesso di una punta di velocità fuori dal comune che se portata in condizioni di freschezza lo porterà a lottare per il suo terzo Amérique ed entrare di diritto tra le leggende del Trotto Transalpino.La Francia che Trotta ha un’altra freccia al suo arco stiamo parlando della meravigliosa Belina Josselyn (12) che nell’avvicinamento alla corsa ha corso ben quattro volte, in un paio di occasioni ha corso bene dimostrando di avere le qualità per primeggiare, una forma al top e la guida del miglior driver francese
J.m. Bazire .

LE SORPRESE

Nel novero delle sorprese possibili bisogna considerare tre francesi di gran qualità Davison Du Pont (4) molto stimato dal suo entourage arriva all’appuntamento in forma altisonante dimostrando di poter competere a viso aperto con i migliori trottatori del pianeta,anche Delia Du Pommereux (5) anche se con un profilo più basso arriva all’appuntamento con la consapevolezza di valere i migliori e correrà a fari spenti come sua consuetudine ma se sulla curva finale sarà coperta e in posizione favorevole la sua punta di velocità la può portare lontano, discorso diverso meritano Propulsion (17) e Bird Parker (16) il primo ha rifinito la preparazione in terra scandinava ed ha avuto dei piccoli contrattempi fisici che forse non lo fanno arrivare all’appuntamento al 100% e il secondo che deve dimostrare di non essere un eterno piazzato.

CAPITOLO ITALIA

L’italia presenta due suoi rappresentanti alla corsa faro del trotto mondiale il primo è Traders (11) ormai di stanza a Parigi è universalmente riconosciuto come uno specialista del montato avendo vinto il Cornulier (prova principe della specialità ), ma che al sulky non annovera grandi risultati se si eccettua una vittoria datata contro il grande Bold Eagle ripetersi, per un cavallo con la sua meccanica sarà difficile e onestamente il suo tentativo appare velleitario, Urlo Dei Venti (7) di suo dopo una grande prima parte del 2018 , ha chiuso l’anno con tre corse di preparazione all’appuntamento molto negative,la sua partecipazione all’evento era in forte dubbio poi si è deciso di farlo correre ma non sembra poter accampare pretese di vittoria ne di piazzamento.

Godiamoci l’evento più bello e prestigioso del mondo per i trottatori e come direbbero i cugini francesi “Que le meilleur gagne” 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: