Giovedì a Firenze il Cupolone, valido come eliminatoria del Gran Criterium

Giovedì a Firenze il Cupolone, valido come eliminatoria del Gran Criterium

(nella foto Zelante Ek)

 

Giovedì va in scena a Firenze lo storico Cupolone. Sulla scorta di 4 successi in 5 uscite, record di 1.13.8, guida di Roberto Vecchione, buon numero e vittoria nella prima corsa di gruppo per i maschi della Z (l’Anact con facilità da leader) il favorito è Zelante Ek (2), un allievo di Holger Ehlert che parte molto forte, semplice, duttile, freddo e in grado di adattarsi ad ogni schema. In avanti metterebbe una seria ipoteca sul risultato finale ma non se la porta da casa, soprattutto per il fatto che ci sono un paio di provetti partitori (uno al suo fianco) e, anche se sa adattarsi anche ad agire di rimessa, se venisse saltato al via le cose si complicherebbero un po’. Un soggetto in grande crescita e che torna in prima fila è Zephyrus Bar (4) a segno sulla pista a media notevole di 1.15.9 sul doppio km arrivando con i tappi (Massimo Barbini l’ha stappato sul palo) battendo un ottimo rivale come Zodiac Roc (3) che parte fortissimo e, tornando sul miglio, se riuscisse ad andare davanti avrebbe e carte in regola per arrivare fino in fondo. Sembra in procinto di togliersi la qualifica di maiden il regolare passista Zorro Ido (5). E’ velocissima anche Zahrah (6) che, se si avvia di trotto, si giocherà presumibilmente il tutto per tutto in partenza nel tentativo di andare davanti o di ritagliarsi spazio in corda, riuscendoci non le mancherebbero i mezzi per lottare la corsa. Per la guida di Enrico Bellei avrà seguito al gioco anche Zeus Lest (1) che a me al momento sembra un filo inferiore anche se con la corda può essere il piazzato di posizione. Da vedere il debutto di Zelk Olm (7) che non è dispiaciuto in qualifica guadagnando sul leader nell’arrivo in 14.9 ma che al momento non sembra di questa categoria.

 

PRONO: 2 – 4 – 3  

 

1 ZEUS LEST (Enrico Bellei) – Veloce in partenza, ha vinto al debutto a Milano al proprio record di  1.16.4 da leader con quarto iniziale in 30.3 e 600 finali in 45; resta su un terzo accusando sul cambio di ritmo della testa (44.7 i 600 finali) il percorso allo scoperto. Può essere il piazzato di posizione. Difficile. Quota: 18,00

 

2 ZELANTE EK (Roberto Vecchione) – Molto veloce in partenza, regolare, sa fare un po’ tutto, ha vinto 4 volte su 5, alla terzultima in 1.16.5 a Milano progredendo nei 600 finali dalla scia del leader nella quale era sceso nel lancio in 14.5, la volta dopo nella batteria Anact al proprio record di 1.13.8 da leader con lancio in 13.6 e 600 finali in 43.1, in finale in 1.14.5 in avanti con lancio in 12.9 e 600 finali in 43.4. Soggetto freddo che si adatta a tutto, in avanti o da secondo in corda ha chiarissima chance di farcela. Favorito. Quota: 1,70

 

3 ZODIAC ROC (Filippo Rocca) – Velocissimo in partenza, regolare, ha vinto 2 volte, la seconda alla penultima uscita in 1.16.4 a Montecatini da leader con lancio in 15.5 e 600 finali in 43.6 senza forzare, la volta dopo un posto d’onore al proprio record di 1.16.3 sul doppio km battuto in retta dopo aver agito in avanti scambiando con un’avversaria dopo il quarto iniziale in 31.1. Rapidissimo, se va davanti può arrivare fino in fondo. Terzo incomodo. Quota: 3,50

 

4 ZEPHYRUS BAR (Massimo Barbini) – Parte il giusto, ha vinto 3 volte su 5, alla penultima al proprio record di 1.15.9 a Follonica in percorso esterno con km finale in 1.14.5, la volta dopo  eguagliando il proprio limite sul doppio km con mezzomiglio finale in un minuto scattando in retta dalla scia del leader nella quale era sceso dopo mezzo giro. In grande crescita, torna in prima fila, se davanti si prendono in partenza può farcela. Controfavorito. Quota: 3,50

 

5 ZORRO IDO (Antonio Di Nardo) – Parte il giusto, maiden, ha colto il proprio record di 1.14.3 a luglio secondo battuto nel quarto finale in 28.8 (seconda parte di gara in 58.2) dopo aver ottenuto strada dopo quello iniziale in 29.2; resta su un posto d’onore finendo in crescendo dalla scia dei primi nei 600 conclusivi esterni in 44.1. Sembra in procinto di togliersi la qualifica di maiden. Sorpresa. Quota: 10,00

 

6 ZAHRAH (Riccardo Picchi) – Velocissima in partenza (quando si avvia di trotto, cosa che non sempre le riesce), ha esordito con un posto d’onore in quota dopo essere andata davanti nel lancio in 14.4 ed essere stata  superata dopo un giro in 1.00.8, poi un successo in 1.16.5 da leader con quarto iniziale in 28.3, al rientro un errore al via pagando la seconda fila, nella batteria dell’Anact un successo al proprio record di 1.15.2 finendo in leggero crescendo dalla scia della leader a cui aveva dato strada dopo un quarto in 29.5, infine in finale un errore al via. Rapidissima, trova ottimi partitori all’interno ma se si avvia di trotto e va davanti o riesce a ritagliarsi spazio seconda in corda se la gioca. Grossa sorpresa. Quota: 12,00

 

7 ZELK OLM (Vincenzo Mango) – Piuttosto veloce in partenza, al debutto, dopo il tentativo di qualifica a Montecatini (nel quale ha sbagliato dopo essere andato davanti nel lancio in 16.8) ha superato il test a Follonica in 1.17.2 avvicinando nell’arrivo in 15 (30.4 il quarto finale) il leader a cui aveva ripiegato in scia nel lancio in 14.9. Al momento sembra inferiore. Outsider. Quota: 200,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri subito

CLICCA QUI!